Manga e Anime giapponesi

I Manga, comunemente conosciuti in occidente come fumetti giapponesi, sono racconti illustrati il cui termine significa semplicemente “fumetti”, e molti giapponesi ignorano che la parola si riferisca esclusivamente ai disegni giapponesi con uno stile così definito e inconfondibile. Tipicamente ogni manga è un libricino di 100-400 pagine, stampato in bianco e nero su carta molto economica, talvolta con copertina rigida e a colori. Come la lettura della lingua giapponese, anche il manga si sfoglia e legge dall’ultima pagina verso la prima. Quando una serie raggiunge un certo volume di stampa e abbastanza numeri viene ristampata in quelli che sono chiamati “tankobon”, ossia fascicoli rilegati, economici rispetto agli originali ma meno ricercati dai collezionisti. In Giappone la fama e la diffusione dei manga è elevatissima, tant’è che esistono riviste dedicate che propongono diverse serie a puntate su ogni uscita. Da non confondere con gli Anime, ossia la versione cinematografica dei manga, diffusa in occidente negli anni 80 dalle serie televisive e diventato negli anni 90 un vero settore cinematografico che macina incassi pari alle produzioni hollywoodiane. Il massimo disegnatore di Anime universalmente riconosciuto è Hayao Miyazaki (Totoro, Principessa Mononoke, La Città Incantata, Il Castello Errante di Howl). La larga diffusione della cultura manga in Giappone ha fatto nascere diverse scuole di disegno specializzate e una schiera di appassionati che organizza fiere e feste a tema con costumi di scena (cosplay).

Di seguito ecco un elenco delle principali categorie in cui si divide il mondo manga giapponese.

  • Kodomo – per bambini
  • Shōjo – tennager femminile
  • Shōnen – teenager maschile
  • Josei (o redikomi) – giovani ragazze e donne
  • Redisu – donne adulte
  • Seinen – uomini
  • Dōjinshi – autoprodotti o artistici
  • Gag – comici
  • Jidaimon – storici
  • Robot/Mecha – robot gianti
  • Suiri – criminali polizieschi
  • Moé – incentrati sull’amore per un personaggio
  • Shōjo-ai o Yuri – romantici lesbici
  • Shōnen-ai o Yaoi – romantici gay
  • Ecchi – erotici
  • Hentai – pornografici

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *